Influenza della preparazione del design, del posizionamento della linea di margine, e della morfologia del dente sull’accuratezza dell’impronta intraorale per corona anatomica

Lo scopo dello studio in vitro di questo articolo è analizzare l’accuratezza IOS per restauri completi di corone, considerando le morfologie degli incisivi mascellari e dei molari con quattro diverse linee di finitura, sia in posizione sopragengivale sia sottogengivale. I risultati hanno dimostrato che tutti i campioni sono stati digitalizzati con successo con elevata precisione
indipendentemente dal dispositivo IOS utilizzato.

Sulla base dei risultati della presente prova, i design convenzionali di preparazione delle corone possono essere applicati con un’acquisizione digitale di IOS considerando la minima invasività. È
possibile concentrarsi sui requisiti desiderati per i restauri a unità singola nella pratica clinica quotidiana. Per prima cosa devono essere analizzare la posizione anatomica e la morfologia dell’area da restaurare. Inoltre, il materiale selezionato deve essere considerato nella scelta delle caratteristiche della preparazione.

Fondamentalmente, i seguenti parametri sono stati riassunti per le corone complete a base di metallo:

(i) angolo di convergenza tra due superfici assiali opposte preparate nell’intervallo da 10 a 22;

(ii) superfici verticali ritentive di almeno 3 mm e un rapporto altezza-diametro di almeno 0,4 per fornire un’adeguata forma di resistenza;

(iii) i denti dovrebbero essere ridotti uniformemente per facilitare il lavoro dentale estetico, così come anatomicamente per mantenere la forma geometrica caratteristica dei denti ed evitare il trauma pulpare.


La conversione dall’in vitro all’in vivo comporta sempre delle difficoltà. L’impostazione della sperimentazione presentata riflette condizioni ideali e costanti. Lo scenario clinico del mondo reale
deve affrontare sfide multi-fattore come preparazioni dentali irregolari in termini di design e distanza dal margine gengivale, superfici dentali differenti, tessuti molli perfusi, saliva e fluidi del solco, accesso limitato nella cavità orale e movimento del paziente. Non era inoltre possibile lavorare con la retrazione gengivale in questo ambiente in vitro. Questo studio è stato condotto in un ambiente stabile a mascella singola utilizzando un modello tipodontico con denti pilastro artificiali preparati in modo ideale. L’assenza di saliva, lingua, apertura della bocca e anatomia individuale del paziente ha semplificato la scansionabilità dell’IOS. L’impatto dell’apertura della bocca, in particolare, deve essere ulteriormente studiato per le impronte mandibolari in vivo.
Durante la IOS, i pazienti devono mantenere un’ampia apertura della bocca per un tempo più lungo rispetto all’approccio convenzionale. Questo potrebbe portare a leggere deformazioni della mandibola. Con il metodo convenzionale, la bocca deve essere aperta solo inizialmente in modo ampio; tuttavia, durante il tempo di presa del materiale, il paziente può quasi riposare in una posizione rilassante. In vivo, questo potrebbe portare a deviazioni nella precisione della scansione tra le aree anteriori e posteriori, che non è stato possibile rilevare in questa impostazione in vitro.
Inoltre, sono stati utilizzati solo due dispositivi IOS, il che riduce il potere di generalizzazione, e gli operatori non potevano essere ciechi per l’intervento e il tipo di scanner utilizzato. Per ulteriori studi, sarebbe utile includere una maggiore varietà di scanner IOS e anche eseguire preparazioni sottogengivali in vivo, dove potrebbe essere applicata una gestione appropriata dei tessuti molli.

Conclusioni
Entro i limiti di questo studio, si può concludere quanto segue:
(1) l’accuratezza complessiva per tutti i denti pilastro era molto alta, senza significative differenze nelle prestazioni di 3Shape Trios 3 Pod rispetto a Cerec Primescan AC;
(2) le linee di finitura sopragengivali sono state catturate significativamente meglio dei margini epigingivi utilizzando IOS. Se la situazione clinica lo permette, un margine sopragengivale dovrebbe essere scelto di conseguenza;
(3) la morfologia del dente sembra essere un fattore trascurabile per la precisione di IOS in termini di restauri di corone complete a unità singola.

 

 

Lo Scopo Di AIOD è aprirsi ad un numero sempre più grande di specialisti per approfondire e supportare l’innovazione in una delle più Affascinanti branche della medicina moderna

© 2020 All Rights Reserved AIOD Accademia Italiana di Odontostomatologia Digitale

Termini d’uso   –   Privacy Policy